Anton Webern

aton webern70 anni fa, nel 1945, moriva Anton Webern, compositore e direttore d’orchestra austriaco, colui che definì la musica “la natura con le sue leggi in rapporto al senso dell’udito”.

Perseguitato dai nazisti, che definirono la sua musica “arte degenerata”, verso la fine della guerra per non essere catturato dall’Armata Rossa, da Vienna si trasferì a casa del genero a Salisburgo -che allora era sotto il controllo alleato- pensando di essere al sicuro.

Pensava male: la sera del 15 settembre se ne uscì sulla veranda della casa del genero per fumarsi un sigaro in santa pace e un soldato americano ciucco tradito gli sparò facendolo secco, confermando la veridicità del proverbio “dagli amici mi guardi Dio che dai nemici mi guardo io…”. E confermando anche che fumare fa  male.

Annunci

Informazioni su achedes

nella vita alle volte si è il gabbiano, altre volte la statua...
Questa voce è stata pubblicata in Non è ver che sia la morte... e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...