la camminata di Marylin Monroe

hotIl fascino di una donna, checché ne dicano le pubblicità e i media in genere, non è legato ad un modello di bellezza standard, non esiste infatti uno standard assoluto di bellezza femminile e chi lo dice è perché vuole vendere qualcosa. Il fascino è un insieme di componenti nel loro insieme, nei quali certamente l’aspetto fisico è importante ma contano molto anche la voce, lo sguardo, il portamento, eccetera.

Marylin Monroe (1926-1962) ad esempio sappiamo tutti chi è, e anche se era certamente una bella donna, non era poi così eccezionale, però aveva fascino da vendere e una delle componenti del suo fascino era il suo particolare modo di camminare (ricordate la scena alla stazione nel film “A qualcuno piace caldo”? Sì, sì, proprio quella in cui Jack Lemmon e Tony Curtis rimangono immagati a contemplare il movimento ondulatorio-sussultorio del lato B di Marylin che li precede? … ce l’avete in mente, eh? non mi dubitavo).

Bene, quella camminata non era naturale. L’incedere particolare della diva era dovuto al fatto che aveva le caviglie deboli, le gambe un po’ stortine e anche il culetto… beh, diciamocelo, era un po’  bassino. Però se la giocava bene: si metteva dei rialzi di mezzo centimetro ai talloni per via delle caviglie e camminando metteva un piede davanti all’altro trasformando quello che sarebbe stato un difetto in un incedere che è entrato nell’immaginario di tutti i maschietti.

Annunci

Informazioni su achedes

nella vita alle volte si è il gabbiano, altre volte la statua...
Questa voce è stata pubblicata in Storia e storiacce e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...