Thomas Handford – prigione dolce prigione

handford

Thomas Handford abitava a New Mills, in Inghilterra, era un delinquente abituale (delinquente da poco, intendiamoci: il suo crimine peggiore era andare a caccia di frodo)  e gli piaceva anche alzare il gomito (e pare che in questo non fosse da poco).

Per questi due motivi uno dei luoghi che Thomas frequentava maggiormente era la prigione municipale in High Street. Vero e proprio habitué del posto,  andava dentro e fuori di continuo, era ormai amico dei secondini, che si preoccupavano e si informavano sulle sue condizioni di salute quando non lo vedevano per un po’ di tempo.

Proprio di fianco alla prigione c’era un pub, che ovviamente il nostro conosceva bene,  e un giorno del 1854, mentre stava buttando giù birra assieme ad un suo compare, quest’ultimo di punto in bianco cadde giù, morto stecchito. Thomas ci rimase moooolto male, si prese taaanta strizza e da quel momento in poi smise di bere e rimase astemio fino alla morte.

Naturalmente, anche le sue visite in prigione vennero a calare, ma un po’ di nostalgia doveva averla, visto che quando il governo locale mise in vendita l’edificio, fu proprio Thomas a comprarsela (probabilmente con i soldi risparmiati dal bere), ci andò ad abitare e ci rimase fino alla sua morte nel 1877. Jail sweet jail.

PS
nell’immagine la targa fatta apporre da Thomas sul muro della ex-prigione per raccontare la sua redenzione dall’alcol.

 

Annunci

Informazioni su achedes

nella vita alle volte si è il gabbiano, altre volte la statua...
Questa voce è stata pubblicata in Umanità varia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...