Piano a coda… di gatto

cat-organ-la-nature-1883-poyetIl gesuita tedesco Athanasius Kirchner (1602-1680), storico e filosofo di chiara fama, nel suo Musurgia Universalis descrive un particolare strumento musicale:

… per risollevare lo spirito di un principe italiano angustiato dagli obblighi del suo rango, un musicista creò per lui un piano a gatti. Il musicista scelse alcuni gatti le cui voci avevano diverse intonazioni e li sistemò in gabbie l’una accanto all’altra, così che quando un tasto del piano veniva schiacciato, un meccanismo spingeva un sottile chiodo nella coda del gatto prescelto. Il risultato era una melodia di miao… qualcuno riuscirebbe a non ridere a sentire una musica del genere? E così il principe guarì dalla sua malinconia”.

Ora, a parte ogni considerazione sul dubbio gusto dei signorotti (e dei musicisti) dell’epoca, non era nemmeno uno strumento originale: nel 1470 l’abate di Beigne per far divertire Luigi XI di Francia, si inventò l’organo a maiali: in un padiglione raccolse diversi maiali e, anche in questo caso, pigiando su un tasto, un chiodo pungeva il sedere delle bestie che emettevano urli differenti a seconda della diversa stazza ed età.

Possiamo ipotizzare in futuro un organo a calci nel culo per musicisti bastardi?

Annunci

Informazioni su achedes

nella vita alle volte si è il gabbiano, altre volte la statua...
Questa voce è stata pubblicata in Storia e storiacce e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...