Tacchini dal cielo

El Santuario destruidoL’assedio del santuario di Santa Maria de la Cabeza ad Andujar, in Andalusia, è un episodio piuttosto noto della guerra civile spagnola. Il 18 agosto del 1936 il capitano della Guardia Civil  Santiago Cortés per difendersi dall’avanzata repubblicana si rifugiò nel santuario con 165 militari, 44 civili, e 4 preti (a cui bisogna aggiungere i familiari di questi, per un totale di circa 1200 persone) e vi rimasero fino al 1 maggio del 1937, giorno della resa.

Naturalmente, non avrebbero potuto resistere tutto questo tempo senza aiuti ma l’unica via per i rifornimenti di armi e cibo  era quella aerea, e qui si poneva un problema, perché l’area del santuario era piuttosto piccola e dei lanci normali col paracadute potevano facilmente finire fuori bersaglio, e allora si decise di utilizzare due tecniche differenti: la picchiata e il tacchino.

La picchiata consisteva nel buttarsi con l’aereo il più possibile vicino al bersaglio e una volta sganciato il paracadute riprendere rapidamente quota: in questo modo il peso del materiale e la ridotta distanza facevano sì che i lanci (uno alla volta) non andassero fuori bersaglio. Ma gli assediati avevano bisogno anche di aiuti medici come bende, farmaci, ecc. e questi non erano sufficientemente pesanti per garantire la riuscita del lancio, sia pure a distanza ravvicinata.

Un po’ mi dispiace dirlo (perché i repubblicani mi erano un po’ più simpatici) ma i nazionalisti ebbero un vero colpo di genio: usarono i tacchini. Farmaci e altri generi di soccorso poco pesanti venivano legati sotto dei tacchini che poi venivano buttati giù dall’aereo sulla verticale del santuario. Ora, il tacchino non è che sia un fenomeno del volo, buttato giù da un aereo con delle robe legate sotto non può volare, può solo sbattere le ali freneticamente per rallentare e non schiantarsi del tutto, e in questo modo andava giù dritto ma abbastanza piano per permettere il recupero dei  rifornimenti medici.

Niente da dire, un sistema geniale. Anche perché poi il tacchino-paracadute faceva il suo dovere fino in fondo. In fondo a una pentola.

immagine: il santuario dopo l’assedio

 

 

Annunci

Informazioni su achedes

nella vita alle volte si è il gabbiano, altre volte la statua...
Questa voce è stata pubblicata in Storia e storiacce e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...