il Kitsch al potere

mugabeRobert Mugabe (n. 1924) è il più vecchio capo di stato vivente, a 92 anni suonati fa ancora il bello e il cattivo (soprattutto cattivo) tempo in Zimbabwe. Va bene, ha lottato per l’indipendenza del paese, ha riformato il sistema scolastico… cosa buone ne ha fatte, ma ha fatto anche un mucchio di porcherie, come ad esempio nel 2005  quando per risolvere il problema delle baraccopoli diede il via all’Operazione Murambatsvina (Spazza via l’immondizia) : in poche settimane vennero distrutte quasi 100.000 abitazioni lasciando senza casa 700.000 persone (e 220.000 ragazzi dovettero abbandonare le scuole, alla faccia della sua osannata riforma della scuola).

Inoltre,  come ci si poteva aspettare, dal 1987 esercita una repressione generale con un tale disprezzo dei diritti umani che ha costretto l’Unione Europea e gli Stati Uniti a dichiararlo “persona non grata” e a non fargli mettere piede nei propri confini. (1)

E anche se  ufficialmente lo Zimbabwe è una democrazia, di fatto Mugabe è un dittatore che -ovviamente in nome del popolo- cambia le leggi a proprio piacimento e secondo la propria convenienza, compresa quella elettorale (mmm… mi ricorda qualcuno) e i risultati elettorali sono, per usare un blando eufemismo, diciamo… pilotati; non come quelli di Charles King, ma insomma… E come tutti i dittatori è un megalomane: recentemente si è fatto fare una statua a coronamento della sua discutibile carriera. La foto la vedete, i commenti sono inutili.

(1) in realtà in Italia ci è venuto più volte, anche di recente: la scusa è quella di partecipare ad eventi del Vaticano (beatificazione di Papa Giovanni Paolo II, inaugurazione del pontificato di Papa Francesco, canonizzazione di papa Roncalli e papa Wojtyła) perché il suo accesso è garantito dai Patti Lateranensi del 1929. Come dire, anche se c’è una legge noi italiani una soluzione la troviamo sempre…

 

Annunci

Informazioni su achedes

nella vita alle volte si è il gabbiano, altre volte la statua...
Questa voce è stata pubblicata in Storia e storiacce e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...