L’eroica graffetta di Johan Vaaler

406px-vaaler_kopi

Johan Vaaler

Se ci fosse un premio all’inventore dell’acqua calda, un buon candidato sarebbe il norvegese Johan Vaaler (1866-1910),  impiegato dell’Ufficio Brevetti di Oslo, che un bel giorno inventò la graffetta per i fogli di carta e la brevettò (meglio: se la brevettò, visto il lavoro che faceva…). Peccato che le graffette per fogli esistessero già dal 1870 (o giù di lì),  prodotte e vendute dalla ditta inglese Gem Manufacturing Company -che però non aveva mai pensato a brevettare il suo prodotto.

220px-vaaler_clip-svg

la graffetta di Vaaler

Non era quindi una vera invenzione ma bisogna tener conto del fatto che le graffette inglesi non erano ancora conosciute in Norvegia, quindi onore comunque a herre Vaaler, la cui creazione fra l’altro è un po’ diversa dalle graffette prodotte dalla Gem (che sono pressoché identiche a quelle che usiamo anche noi oggi), è più squadrata e, per certi versi, un po’ più scomoda.

400px-bi-binders

il monumento alla graffetta al BI College di Oslo

In ogni caso, in Norvegia, durante la seconda guerra mondiale, la graffetta di Vaaler ebbe un rilievo importante che nessun’altra graffetta ha mai avuto: durante l’occupazione tedesca ai norvegesi venne proibito di portare distintivi con le iniziali del re o altri simboli nazionali e allora per indicare il proprio patriottismo molti portavano proprio la graffetta all’occhiello, un po’ perché era comunque un orgoglio nazionale un po’ perché il termine norvegese per la graffetta era binder, che significa anche “lega”, “unione” e quando i tedeschi sgamarono la questione, portare una graffetta divenne un motivo sufficiente per finire in galera.

La graffetta passò alla storia come un simbolo di solidarietà e opposizione agli occupanti tedeschi, e si meritò pure un monumento a Oslo. Peccato solo che il monumento raffiguri una graffetta Gem e non quella di Vaaler…

 

Immagini da Wikipedia Commons

Annunci

Informazioni su achedes

nella vita alle volte si è il gabbiano, altre volte la statua...
Questa voce è stata pubblicata in Oggetti, Storia e storiacce e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a L’eroica graffetta di Johan Vaaler

  1. felicia ha detto:

    Complimenti
    articolo molto interessante

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...