Valle di San Valentino (Marche) – I fiori dell’amore

Avviso al lettore:
a) questa roba non è vera, è inventata del tutto e
b) non è neanche nuova, ma mi piaceva riproporla per San Valentino. Auguri a tutti gli innamorati!

La valle di san Valentino si trova ai piedi dell’appennino umbro-marchigiano, tra il monte Cuoricino e il monte Bacino ed è un luogo veramente bellissimo, con prati verdissimi lungo dolci pendii in mezzo ai quali scorrono placidi torrentelli che formano cascatelle e laghetti, con boschetti ombrosi e profumati che offrono ombra e frescura, insomma un luogo delizioso, incantato, sul quale aleggia ancora la storia d’amore di Lucinda e Lovello.

Era Lucinda la giovane e bella moglie di Giovanardo Acquamorta, un rozzo signorotto molto più vecchio della sposa, mentre Lovello era un soldato di ventura che stanco di guerre se ne stava tornando a casa.  I due si incontrarono nel cortile del palazzo del marito e fu amore a prima vista. Fuggirono di notte con l’intenzione di arrivare ad Ancona ed imbarcarsi verso lidi remoti ma, attraversando la valle di San Valentino, caddero vittime dell’incanto del posto e si fermarono per fare all’amore. Questo ritardo fu loro fatale: vennero sorpresi dagli sgherri del Giovanardo e uccisi mentre erano abbracciati l’uno all’altra. Gli ordini del Giovanardo erano di lasciarli là a essere sbranati dai lupi ma la leggenda vuole che dal loro sangue sbocciassero subito migliaia e migliaia di margherite che ricoprirono completamente i corpi dei due amanti.

Questa la leggenda, e si può capire come siano moltissime le coppie di giovani che vanno a giurarsi eterno amore su quello che fu l’incantevole ma tragico scenario della storia d’amore  di Lucinda e Lovello. Ma c’è un altro motivo che spinge gli innamorati verso questa valle, e qui la leggenda non c’entra, si tratta piuttosto di una curiosità -o di un mistero, se si preferisce- di carattere scientifico, oggetto di verifiche e studi da botanici di tutto il mondo che però non hanno mai saputo fornire spiegazioni valide a riguardo: tutte le margherite che sbocciano nella valle di San Valentino hanno i petali dispari.

immagine: La belle dame sans mercy, dy J.W. Waterhouse, 1893

Annunci

Informazioni su achedes

nella vita alle volte si è il gabbiano, altre volte la statua...
Questa voce è stata pubblicata in Storie, leggende e luoghi improbabili d'Italia e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...