Le ultime parole di un santo con il senso dell’umorismo

dipinto di Spinello Aretino, XIV sec.

Se c’è una categoria di personaggi che sento mooolto vicini sono quelle persone che anche in punto di morte riescono a fare battute, perché vuole dire che mantengono fino all’ultimo quel senso dell’umorismo che consente di vivere più leggeri e più liberi: “Mostratemi le cose di cui un uomo non riesce a ridere e io vi mostrerò le sue catene” è il mio motto (e spero di restarci sempre fedele!).

Un  questi personaggi è San Lorenzo (225-258) arcidiacono di Roma che subì il martirio durante le persecuzioni dell’imperatore Valeriano. Come ci racconta sant’Ambrogio nel suo De officiis ministrorum, l’incarico di Lorenzo riguardava le opere di carità e quando il prefetto Cornelio Secolare gli intimò di consegnare tutti i beni mobili della chiesa (gli immobili erano già stati requisiti), Lorenzo si presentò con quelli che per lui erano i “beni mobili” della chiesa, e cioè poveri, malati, vedove, storpi e compagnia briscola.

Il prefetto non gradì e -visto che comunque, trattandosi di un diacono, doveva essere messo a morte- riservò a Lorenzo riservò un trattamento di favore, e cioè lo fece arrostire sopra una graticola ardente (l’iconografia dei santini ci andò a nozze).  E Sant’Ambrogio ci tramanda le ultime parole del santo che ad un certo punto si rivolse ai suoi aguzzini dicendo loro: “Assum est,… versa et manduca” ossia “Da questa parte sono cotto, girami dall’altra e poi mangiami”. Sant’Ambrogio non ci racconta la faccia che devono aver fatto i suoi aguzzini…

PS
Lorenzo è il santo patrono dei librai, dei bibliotecari e altri ancora tra cui anche… cuochi e rosticcieri! E poi dicono che i preti non hanno il senso dell’umorismo…

PPS
non c’entra molto ma mi ricordo un dialogo tratto dal libro Rime tempestose, che mi piacque molto e che diceva:
“Ardo per te”
“Grata ti son, Lorenzo”

 

 

Immagine da Wikimedia Commons

Annunci

Informazioni su achedes

nella vita alle volte si è il gabbiano, altre volte la statua...
Questa voce è stata pubblicata in Ultime parole e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...